Crea sito

Unicorni & Fintech – Cap. 1

Posted By Francesca Cavanna on Set 23, 2018 in Featured, Fintech, Innovazione, Startup, Tecnologia


Gli Unicorni

Per unicorno si intende una start up che ha raggiunto una valutazione di oltre 1 miliardo di dollari. Il termine “unicorno” è stato inizialmente utilizzato da Aileen Lee, fondatore di CowboyVC, un fondo di venture capital con sede a Palo Alto, in California.  Nel suo articolo “Welcome to the Unicorn Club: Learning from Billion-Dollar Startups” ha esaminato le startup fondate negli anni 2000 e ha stimato che solo lo 0,07% di esse ha mai raggiunto un valore superiore a $ 1 miliardo. Creature rarissime insomma.

Il Fintech

Quando si parla di fintech invece, si intende qualsiasi innovazione tecnologica nel settore finanziario. Sono quindi comprese le innovazioni nel settore dell’alfabetizzazione finanziaria e dell’istruzione, il retail banking, gli investimenti e persino le criptovalute come i bitcoin.

In un report rilasciato da CB Insight nel 2017, “Fintech Trends to Watch in 2018” (lo potete trovare a questo link), vengono proclamati 25 unicorni in ambito fintech, per un valore complessivo di 75,9 mld di dollari. Ovviamente, gli Stati Uniti sono in testa per numero di start up (16, per un totale di $ 41,1 miliardi) seguiti da Cina (5, valore complessivo $ 28 miliardi) e Europa (4, $ 6,8 miliardi di valutazione).

 

Di questi 25 “giganti”, ben 8 hanno raggiunto una valutazione superiore a $ 1 B nel 2017.

Di cosa si occupano?

    • Affirm

      Fondazione: 2012
      Sede: San Francisco, California
      Valuation: $ 1,79 B
      Si tratta di una società di servizi finanziari che offre prestiti rateali ai consumatori direttamente nel punto vendita. Come funziona? Immaginate di essere in punto vendita e voler acquistare un magnifico paio di scarpe nuove. Forse un po’ fuori budget. Con Affirm, è possibile effettuare l’acquisto in negozio, rateizzando il pagamento in più mesi con commissioni trasparenti e prestabilite.
      Dopo aver chiuso l’ultimo round da $ 200 M (guidato da GIC, il fondo sovrano di Singapore, insieme a Spark Capital e Khosla Ventures), sembra che il team di Affirm stia progettando l’espansione all’estero, in Asia.

 

    • Robinhood

      Fondazione: 2013
      Sede: Menlo Park, California
      Valuation: $ 5,6 B
      Il nome già dice tutto: grazie a questa piattaforma (utilizzabile sia via app da mobile che da desktop) è possibile comprare e vendere azioni di aziende quotate  a Wall Street senza commissioni. Non c’è da stupirsi quindi se hanno all’attivo 4 milioni di utenti, di età media decisamente giovane per il mercato di riferimento (28 anni).
      Qual’è il loro revenue model? Le entrate sono rappresentate dagli interessi (maturati sulla liquidità dei conti correnti non investita) e dai servizi di marginazione.
      A inizio 2018  viene lanciato Robinhood Crypto, il servizio che permette di azzerare le fee di transazione anche per chi vuole acquistare e vendere criptovalute, a partire da Bitcoin ed Ethereum. Questa mossa ha portato la start up a un nuovo round di finanziamento che gli ha permesso di raggiungere l’attuale vluation. Tra gli investitori troviamo Iconiq, Kleiner Perkins, Sequoia, Capital G e DST Global nel ruolo di lead investor.

 

    • Coinbase

      Fondazione: 2012
      Sede: San Francisco, California
      Valuation: $ 1,6 B
      Coinbase è una piattaforma in cui è possibile effettuare transazioni in valute digitali  (bitcoin, ethereum, litecoin…). Da un lato offre un servizio di wallet in valuta digitale ai consumatori. Dall’altro fornisce servizi per i negozianti che accettano pagamenti in Bitcoin, come fa BitPay. Il servizio è attualmente disponibile in 33 paesi (Italia compresa).
      Nel 2017 ha raccolto $ 100 milioni (round d). Come lead investor troviamo IVP, con la partecipazione di Spark Capital, Greylock Partners, Battery Ventures, Section 32 e Draper Associates.
      A marzo 2018 ha annunciato la creazione di un fondo di investimento legato alle cryptovalute, il Coinbase Index Fund, che ad oggi è attivo negli Stati Uniti e permette investimenti da $ 250.000 a $ 20 milioni.

 

    • Symphony

      Fondazione: 2014
      Sede: Palo Alto, California
      Valuation: $ 1 B
      Symphony è una piattaforma per la comunicazione e condivisione di contenuti, basata su cloud, con elevati standard di sicurezza. Nasce come sistema di messaggistica interna di Goldman Sachs e ad oggi conta 15 tra le più grandi banche del mondo tra i suoi investitori.
      Le attività dell’azienda sono principalmente rivolte al settore dei servizi finanziari, offrendo un servizio di messaggistica che non solo consente la comunicazione interna, ma che abilita anche l’interazione con i contatti esterni all’organizzazione, mantenendo gli stessi standard di sicurezza.
      La piattaforma è stata creata in collaborazione con i suoi investitori strategici, affinché soddisfi le loro particolari esigenze quando si tratta di requisiti di crittografia e reporting. Ed è sicuramente questo uno dei motivi del suo successo.
      Con il round di finanziamenti chiuso un anno fa ($ 63 milioni), che è valso il titolo di unicorno, l’azienda punta espandersi in nuovi mercati, che sono per necessità vicini a quello di origine. I possibili settori target sono quello legale, contabile e l’industria sanitaria (rigorosi standard di segnalazione, conservazione dei dati, privacy policy).

 

    • Clover health

      Fondazione: 2014
      Sede: San Francisco, California
      Valuation: $ 1,2 B
      Clover Health si occupa di un settore molto sensibile negli States: quello delle assicurazioni sanitarie. Sta però sfidando il modello tradizionale grazie all’analisi di dati e all’uso della tecnologia (AI e data science). La piattaforma di analisi di Clover utilizza un monitoraggio continuo in tempo reale dei dati per prevenire ricoveri ospedalieri, ridurre le spese evitabili e identificare e gestire meglio le malattie croniche.
      Tutto questo porta a un miglioramento della salute degli utenti e aiuta a prevenire le emergenze che potrebbero essere costose per il fornitore di assicurazioni.
      Dopo un 2017 difficile, in cui ha perso uno dei due founder e CTO Kris Gale, nel 2018 ha annunciato l’intenzione di aprire il servizio a sei nuovi mercati nel 2019 (Camden, Charleston, El Paso, Nashville, Philadelphia and Tucson).

 

    • AvidXchange

      Fondazione: 2000
      Sede: Charlotte, North Carolina
      Valuation: $ 1,4 B
      Questa azienda del North Carolina fornisce servizi ad aziende americane di medie dimensioni. Come? Semplificando la contabilità aziendale attraverso l’uso di software di automatizzazione di pagamenti e fatture.
      Nell’ultimo anno ha chiuso un round di finanziamenti da $ 300 milioni, da parte di investitori come Temasek Holdings, Founders Fund e Mastercard.
      Per futuro, il CEO Michael Praeger ha le idee chiare: continuare a costruire la piattaforma e investire in opportunità di M&A (recentemente, AvidXchange ha acquisito Ariett, un fornitore di software di procurement). Come altre aziende fintech, Praeger vede un’offerta pubblica come potenziale passo successivo.

 

    • Tuandaiwang

      Fondazione: 2012
      Sede: Dongguan, Cina
      Valuation: $ 1,46 B
      Tuandaiwang è una azienda di prestiti peer-to-peer cinese che offre una piattaforma online di servizi di intermediazione finanziaria per aiutare piccole e medie imprese.
      Quali sono i servizi pensati per chi offre e per chi richiede prestiti?Raccolta, divulgazione e scambio di informazioni,matching fra domanda e offerta, il tutto a tassi più convenienti rispetto a quelli offerti dal mercato.
      I punti di forza di questa azienda sono le tecnologie informatiche avanzate, l’elevata capacità di analisi dei big data, le procedure di revisione rigorose e un solido sistema di gestione e controllo dei rischi.
      Grazie a questa piattaforma la società ha aiutato individui e aziende a raccogliere 11,4 B di dollari e distribuendo ai finanziatori 335 M di dollari di profitti.

 

    • TongDun Technology

      Fondazione: 2013
      Sede: Hangzhou, Cina
      Valuation: $ 1 B
      Questa start up di Hangzhou sviluppa software online che utilizzano l’intelligenza artificiale e i big data per contrastare furti e combattere frodi in società finanziarie, assicurative, di pagamento, e-comemerce e social network.
      Con oltre 7.000 clienti in Cina, lo scorso ottobre questa azienda ha chiuso un round di finanziamento da 72,8 M di dollari, contando tra i suoi finanziatori Temasek Holdings (fondo di investimenti sovrano di Singapore), Tiantu Capital e Xindahanshi Capital.

 

Curiosa e proattiva, creativa e analitica,  sempre alla ricerca di nuove sfide. Francesca ha conseguito un MBA dopo aver lavorato come consulente strategy in ambito bancario e fintech.  Appassionata di start up e venture capital, nuove tecnologie, trasformazione digitale e sviluppo sostenibile. Nel tempo libero si dedica ad attività all’aria aperta, sport outdoor e fotografia. Viaggiatrice entusiasta.